Coltivazione in suolo

Se sei in una posizione in cui puoi coltivare la cannabis all’esterno, scegliere di farlo nel suolo è una scelta facile e naturale. Molti consumatori affermano che la cannabis coltivata all’aperto ha un sapore migliore e contiene livelli più naturali di THC e CBD, tra la miriade di altre proprietà chimiche della marijuana.

La marijuana coltivata nel terreno riceve la migliore luce possibile: la luce solare naturale. Non sottovalutare il beneficio dell’acqua piovana e dell’abbondanza di carbonio e ossigeno che otterranno se coltivati ​​all’aperto nel terreno. Le piante non devono essere mantenute “nane” o non possono raggiungere il loro massimo potenziale quando vengono coltivate all’aperto.
Il luogo ideale per una coltura all’aperto di cannabis sarebbe un terreno leggermente inclinato, aperto ed esposto a sud. Il terreno deve essere ben drenante con un pH compreso tra 6,0 e 6,5. Il vaso della cannabis dovrebbe essere collocato in modo tale che vi sia una protezione naturale (o creata dall’uomo) dai forti venti prevalenti, come ad esempio una schermatura di alberi o una recinzione. E’ importante mantenere una spaziatura adeguata tra le piante, per evitare l’incidenza di malattie e parassiti.

La coltivazione di cannabis nel suolo non è priva di rischi. C’è sempre il rischio di impollinazione indesiderata del raccolto da polline trasportato dal vento o trasportato da insetti da altre piante di cannabis maschili che potrebbero trovarsi nella zona a tua insaputa. Ci sono problemi stagionali con la cannabis all’aperto coltivata nel terreno per chiunque viva in regioni che soffrono di gelate o inverni. I coltivatori indoor hanno questo vantaggio. Il rischio di furto o di sequestro è sempre presente, anche se è legale o meno nella tua zona.

Se crescere all’esterno non è un’opzione possibile per iniziare a coltivare cannabis, ma non sei pronto per impegnarti in un sistema idroelettrico, allora l’altra principale opzione indoor è far crescere la tua erba in un tipo di terreno fuori suolo. Non è consigliabile portare il terreno esterno per la coltivazione indoor poiché aumenta le possibilità di presenza di insetti e malattie.

Coltivazione fuori suolo

Sebbene non sia utilizzata esclusivamente per la produzione interna (poiché la cannabis potrebbe essere coltivata all’esterno in contenitori riempiti con terreni senza suolo), l’erba viene spesso coltivata al chiuso in una forma di terreno fuori suolo. Questa è generalmente la strada che la maggior parte dei coltivatori di cannabis che iniziano finiscono per seguire.

Il terreno fuori suolo è il nome dato a un numero qualsiasi di miscele in crescita (solitamente) preparate commercialmente come terricci e miscele di piantine. Sono composti da una combinazione di torba o cocco, perlite, vermiculite, a volte corteccia e talvolta fertilizzante, agenti bagnanti ecc. Il vantaggio dell’utilizzo di un terreno fuori suolo è che, essendo dei terreni di vostra scelta, sono preparati in modo coerente con livelli di pH statici e affidabili e ingredienti costituenti.
La cannabis coltivata in un terreno fuori suolo dovrebbe essere fatta in un mix che fornisca un pH con intervallo compreso tra 6,0 e 6,5, simile al terreno del giardino. Quando si seminano o si radicano le talee, è necessario selezionare un mix leggero, privo di corteccia. Quando le piante hanno radici sufficientemente forti e su di esse hanno la loro prima serie di foglie vere, esse (le piante) possono essere trapiantate in un mix “più pesante” che potrebbe includere corteccia o sabbia oltre alla torba, alla perlite e alla vermiculite.

È importante selezionare un mix che raggiunga un equilibrio di sufficiente umidità, in modo che il mix non sia incline a seccarsi troppo rapidamente e selezionarne uno che non trattiene troppa umidità, in modo che le radici di cannabis non possano ottenere ossigeno e quindi marcire.

Coltivazione idroponica

La coltivazione idroponica della cannabis è talvolta la strada intrapresa dai coltivatori principianti, ma può essere efficace anche per gli altri.

Come i mezzi fuori suolo, la cannabis può essere coltivata idroponicamente all’aperto, ma è di gran lunga più comune per la coltivazione di marijuana idroponica da coltivare al chiuso. Molti coltivatori esperti utilizzano il sistema idrico proprio perchè potrebbe essere intimidatorio per i nuovi coltivatori. Come coltivatore puoi e devi manipolare tutti i fattori per una crescita di successo. Gli idro-coltivatori devono assicurarsi che i loro sistemi forniscano sufficiente scambio di nutrienti, ossigeno e supporto sufficienti per ogni pianta. Coloro che coltivano con successo la cannabis, spesso vantano il più alto potenziale di rese con colture idroponiche, rispetto al terreno o alla cannabis coltivata nei terreni fuori suolo.

Se hai una coltivazione idroponica in cui le variabili possono essere facilmente controllate da te, allora la cannabis idroponica potrebbe essere la strada da percorrere. A differenza della cannabis coltivata nel suolo o fuori suolo, il pH nei sistemi idrici per la produzione di erba ideale dovrebbe essere tra 5,5 e 6,0. È importante controllare spesso questo livello e riadattarlo, se necessario. I nutrienti si muovono molto più rapidamente in un sistema idrico rispetto a un sistema fuori suolo o nel suolo. Qualsiasi errore di calcolo in acidi, materiali alcalini o sostanze nutritive può danneggiare rapidamente una coltura e richiedere quindi un nuovo inizio.

Indipendentemente dal sistema scelto come coltivatore principiante, assicurati di prendere in considerazione i suddetti fattori per cercare di evitare eventuali errori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.